Il Pilates fa dimagrire? Benefici, esercizi e attrezzi

Il Pilates è un metodo di allenamento il cui scopo è quello di rafforzare e modellare il corpo agendo sulla correzione della postura. In tal modo si rendono più agevoli i movimenti quotidiani grazie anche a una rinnovata elasticità muscolare.

È stato inventato da Joseph Pilates che scoprì le immense virtù di una tipologia di allenamento in grado di coinvolgere più discipline, come lo yoga e la ginnastica a corpo libero.

Da allora, parliamo del 1930, il Metodo Pilates viene utilizzato da atleti, ballerini e performer che hanno necessità non solo di potenziare la propria forma fisica ma anche di allenare la capacità di concentrazione focalizzandosi sul proprio corpo e sui singoli movimenti.

Pilates: cos’è e come si pratica

Una delle caratteristiche principali del Pilates è quella di tonificare la muscolatura definendola, senza gonfiare eccessivamente i singoli muscoli. Parliamo dunque di un metodo che lavora sulla tonificazione del corpo lasciando parlare la bellezza e l’armonia delle forme.

Il Pilates è una disciplina completa che consente anche di controllare e, spesso, risolvere tutti quei piccoli e grandi vizi di postura che portano con sé problemi articolari o alla colonna vertebrale e inifscono per irrigidire i movimenti provocando dolore.

In un percorso di dimagrimento, il Pilates risulta essere anche un ottimo supporto all’attività aerobica. Infatti, aiuta a definire la massa muscolare laddove un dimagrimento magari troppo veloce potrebbe lasciare i suoi devastanti segni di flaccidità nel tono dei tessuti.

Il Pilates si pratica attraverso una serie di esercizi svolti maggiormente a corpo libero ma spesso anche supportati dall’utilizzo di attrezzi. È una disciplina lenta, che prevede estrema concentrazione e che, proprio per questo, permette di riconnettersi con il proprio corpo.

Una delle caratteristiche principali del Pilates, come ha affermato il suo stesso ideatore, è che si tratta di un allenamento con “poco movimento ben programmato ed eseguito con precisione, in una sequenza bilanciata”.

Gli attrezzi utilizzati per la pratica di questo metodo sono quasi sempre sbarre, maniglie, elastici e strumenti utilizzati per contrapporre forza o per accompagnare il movimento, come la palla Pilates (la trovi su Amazon a questo link) o il Pilates ring (detto anche pilates magic circle, lo trovi qui).

Non perderti  EMS training, impazza il fitness che allena in pochi minuti

Quali sono i benefici del Pilates

È indubbio che i benefici del Pilates siano davvero moltissimi, sia in condizioni normopeso che quando si segue un regime alimentare volto al recupero di una sana forma fisica.

Il sovrappeso spesso può causare numerosi problemi articolari, dolori, disturbi alla colonna, indolenzimenti e rigidità. Proprio per questo, combinare l’attività aerobica agli esercizi di Pilates può aiutarti tantissimo a sentirti in forma e più a tuo agio nel tuo stesso corpo che ti apparirà più tonico, definito e flessibile.

Ma vediamo ora quali sono i benefici che in generale può regalarti la pratica del Pilates:

  • Migliora la mobilità delle articolazioni;
  • Abbassa il rischio accidentale di traumi e infortuni;
  • Agevola i movimenti;
  • Aumenta l’elasticità;
  • Contribuisce a contrastare il senso di fatica durante e dopo l’allenamento;
  • Consente la conoscenza dei limiti e delle potenzialità del proprio corpo;
  • Aiuta a percepire e a sentire ogni singolo muscolo connettendoci con esso e col suo movimento;
  • Rende il corpo flessuoso e sinuoso facendolo apparire al meglio della sua tonicità.

Il Pilates fa dimagrire?

Partiamo da un presupposto tanto semplice quanto fondamentale: per dimagrire è necessario creare un deficit calorico o, in parole povere, bruciare più calorie di quelle che si assumono quotidianamente attraverso il cibo.

Le strade a questo punto sono due, o tre, se vogliamo essere davvero efficaci:

  • Mangiare meno e dunque dimagrire solo attraverso una dieta dimagrante;
  • Mangiare normalmente ma bruciare calorie con lo sport;
  • O ancora, mangiare meglio facendo sport.

Non volendo entrare nel merito della scelta di una dieta per dimagrire perché non è questo il contesto, ci limiteremo a una piccola analisi sulla questione sport.

Ci hanno sempre detto che per dimagrire facendo attività fisica sono necessarie attività aerobiche che facciano bruciare molte calorie. bene, il Pilates non è una di queste attività ma funge da supporto ideale anche nel casin cui per perdere peso abbiamo scelto in via esclusiva una dieta dimagrante. Questo perché permette di tonificare la muscolatura in maniera armoniosa e, soprattutto, completa.

Non perderti  Nuoto: la cellulite ha i giorni contati!

La fatica che avverti durante la tua sessione di allenamento Pilates è dovuta allo sforzo muscolare per mantenere la posizione e per estendere la muscolatura. Questo tipo di attività, anche se non intacca lo smaltimento dei grassi in eccesso, fa bruciare zuccheri nell’immediato.

Insomma per dimagrire non è necessario solo bruciare calorie. Anche se il dispendio energetico del Pilates non può essere paragonato ad una sessione di Crossfit, questo training sollecita tutte le fasce muscolari. In questo modo stimola il dimagrimento e, soprattutto, modella il nostro corpo. Ne è prova la cantante Adele dimagrita oltre 30 chili: è noto che si dedichi a sessioni di Pilates con ottimi risultati.

Quante calorie si consumano facendo Pilates?

In realtà le calorie che si bruciano con il Pilates dipendono moltissimo dal tipo di esercizi e dalla risposta del nostro corpo all’allenamento. Possiamo dire che un corso base di Pilates permette di bruciare circa 250 calorie ogni ora, a fronte delle 350 calorie bruciate per un corso intermedio e delle 430 calorie di un corso avanzato. Si tratta comunque di cifre approssimative: tutto dipende da quanto è intenso l’allenamento e con che velocità viene svolto.

Ci chiedi quindi se ti suggeriamo di praticare Pilates per dimagrire?

Il nostro consiglio è assolutamente positivo, non solo per la possibilità di dimagrire con il pilates ma anche da un punto di vista psicologico e di benessere psico-fisico. Infatti, dedicarsi con piacere ad un’attività fisica permette di trarre innegabili vantaggi anche in termini di miglioramento del proprio benessere.

Il nostro suggerimento, se proprio vuoi ottenere risultati velocemente, è quello di abbinare il Pilates ad un’altra attività aerobica anche non ad altissima intensità. Possono andar bene anche un paio di camminate veloci durante la settimana o una corsetta sul tapis roulant elettrico, soprattutto se ti trovi già in palestra.

Il Pilates, inoltre, è un metodo perfetto per tutte le persone sedentarie che vogliono iniziarsi a muoversi e a scogliersi un po’, allevia i piccoli dolori dovuti alla vita sedentaria e può essere un’esperienza bellissima anche in gravidanza, naturalmente con le dovute accortezze del caso.

Non perderti  Allenarsi a casa: gli esercizi e gli attrezzi migliori

Pilates: gli esercizi che puoi fare anche a casa

pilates per dimagrire ring

Questo che ti presentiamo è un tipico allenamento di Pilates adatto a tutti, anche ai principianti e che puoi fare anche a casa senza il supporto di un trainer che invece è necessario se decidi di dedicarti a questa pratica in maniera più approfondita. Tre esercizi per schiena, gambe e braccia da eseguire in totale autonomia.

Entrando nel vivo della disciplina, diciamo prima di tutto che il Pilates si può praticare sia a corpo libero che con alcuni attrezzi come la palla Pilates che puoi trovare su Amazon o il Pilates ring (a questo link in offerta). In entrambi i casi ciò di cui dovrai necessariamente munirti sono un abbigliamento comodo ed elastico e un tappetino, tipo quelli da yoga.

  • Spine Stretch: siediti sul tappetino con le gambe in avanti porta le mani verso i piedi allungando la fascia dorsale. Fermati 5 secondi e ripeti per 15 volte;
  • Swimming: stenditi a pancia in giù, allunga la colonna e con le gambe e le braccia sollevate mima il movimento del nuoto, muovendo piedi e braccia in su e in giù. Esegui l’esercizio molto lentamente e non aver fretta di finire o di farne tante serie. Nella fase di allungamento conta più la lentezza della velocità;
  • Push Up: mettiti in piedi sul tappetino e divarica le gambe, il giusto per avere maggiore stabilità se non hai ancora confidenza con l’esercizio. Alza le braccia e pian piano fai “camminare” le mani lungo le gambe e quindi verso terra, sempre davanti a te, fino a raggiungere la posizione tipia della flessione, o plank. Fai quindi una flessione e poi torna alla posizione iniziale ripercorrendo il movimento al contrario. Anche per questo esercizio, che inizia a essere un po’ più complicato, è più importante la lentezza che il numero di esecuzioni.

Hai mai fatto Pilates? Consigli o no questa disciplina? Descrivici la tua esperienza nei commenti!

Un articolo di dimagrire 2.0 pubblicato il 1 Marzo 2020 e modificato l'ultima volta il 3 Giugno 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *