La Dieta Militare: perdi 5 chili in appena 3 giorni. Ecco il menu

La dieta militare proviene dagli U.S.A. e a dispetto delle sue caratteristiche nutrizionali che la rendono non proprio consigliabile, è una dieta lampo di grande successo: permette infatti di perdere 4,5 kg in soli 3 giorni.

È stata ideata negli anni ’80 ed era meglio nota con il nome di dieta del fax. Questo perché veniva girata da un ufficio all’altro con un semplice passaparola proveniente da fax anonimi. Ha numerosi nomi: dieta dei tre giorni, dieta del gelato, dieta del militare, della marina o dell’esercito. Alla fine si è fatta conoscere con il nome ormai comune di dieta militare.

Che sia o meno una “dieta militare”, dal momento che nessuna amministrazione l’ha mai rivendicata, conta sotto un punto di vista molto particolare: si tratta di una dieta ferrea, un piano alimentare molto severo fatto di grandi rinunce. In realtà ha anche le sue soddisfazioni: se mangi poco per tre giorni ti è concesso perfino il gelato. Insomma, non proprio il massimo, ma a dire di tutti quelli che l’hanno provata, funziona.

LEGGI ANCHE  Dieta Bulletproof: burro nel caffè e perdi subito 10 chili

Che cos’è la dieta militare

È una dieta per perdere 5 kg che dura solo tre giorni. Si basa sulla combinazione chimica degli alimenti che aiuterebbero ad attivare il matabolismo e di conseguenza a bruciare i grassi. Insomma, una dieta per dimagrire velocemente che non guarda molto alle regole nutrizionali.

La combinazione degli alimenti non è fondata su regole riconosciute a livello scientifico e spesso la dieta militare 3 giorni non è salutare: inserire gli hot-dog nel menu infatti è una scelta decisamente discutibile.

Come dicevamo, la promessa è una dieta per dimagrire 5 kg in tre giorni, il tutto senza nessun esercizio fisico. Il motivo del calo? La drastica riduzione delle calorie: questo regime ne fornisce da un minimo di 1100 a un massimo di 1400. Proprio per questo non può dubitarsi che faccia realmente perdere peso, perché apporta nutrienti notevolmente al di sotto del fabbisogno energetico dell’organismo.

È una dieta iperproteica e ammette il gelato per regalare un minimo di soddisfazione emotiva, e questo risulta appagante per i più golosi. Il motivo del suo successo? Semplice: nei primi giorni di riduzione calorica drastica è molto facile perder peso, soprattutto in termini di liquidi.

LEGGI ANCHE  Dieta veloce: consigli e alimenti per perdere peso in pochi giorni

Se questo non può essere duraturo, ad ogni modo aiuta a dare la giusta spinta per intraprendere, subito dopo i tre giorni shock della dieta militare, un piano alimentare sano ed equilibrato.

Dopo i tre giorni proposti da questa dieta non c’è uno schema di mantenimento: questo non significa che potrai mangiare quanto vuoi, ma che dovrai trovarti un nutrizionista.. e che sia bravo!

Dieta militare menu 

La Dieta Militare si sviluppa su tre giorni e prevede grandi quantità di acqua.

Giorno 1

Colazione: spremuta di mezzo pompelmo, una fetta di pane tostato, due cucchiai di burro d’arachidi, una tazza di caffè o di thé verde

Pranzo: una scatoletta di tonno al naturale, una fetta di pane tostato, una tazza di caffè o di thé verde

Cena: 100 grammi di fagiolini, 80/90 grammi di carne o pollo, mezza banana, una mela piccola, due palline di gelato alla vaniglia

Giorno 2

Colazione: un uovo, una fetta di pane tostato, mezza banana

Pranzo: fiocchi di latte una confezione (circa 170g), un uovo, 4 quadratini di crackers

LEGGI ANCHE  Dieta veloce del cetriolo: perdi 7 chili in una settimana

Cena: due wurstel grandi, 100 grammi carote, 100 grammi broccoli, mezza banana, una pallina di gelato alla vaniglia

Giorno 3

Colazione: cinque quadratini di crackers, 30 grammi di emmenthal, una mela piccola

Pranzo: un uovo ed una fetta di pane tostato

Cena: due scatolette di tonno al naturale (oppure una grande da 160 grammi), mezza banana, due palline di gelato alla vaniglia

Ogni giorno bisogna bere almeno 2 litri di acqua. La dieta militare dei 3 giorni non prevede attività fisica, ma sarebbe meglio muoversi un po’. Non sono previsti spuntini fra un pasto e l’altro, perché la riduzione calorica è drastica e gli spuntini appesantirebbero il menu.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche: