La dieta veloce delle patate: perdi 3 chili in 2 giorni

Cerchi un metodo semplice ed efficace per disintossicare l’organismo e dare una potente accelerata al metabolismo? Allora devi provare una dieta lampo molto seguita, la dieta delle patate: in soli due giorni potrai liberarti dalle tossine e drenare i liquidi in eccesso, arrivando anche a perdere 3 Kg.

Non per niente questa dieta è conosciuta come il segreto delle modelle, che si affiderebbero al programma in prossimità di prove e sfilate per rimettersi subito in forma. Leggenda metropolitana? Sarà.. sta di fatto che la dieta delle patate è veramente portentosa e asciuga il corpo come nient’altro al mondo.

Perché proprio le patate?

Da un punto di vista nutrizionale le patate sono note per l’alta percentuale di carboidrati. Questo porta comunemente ad escludere che questo tubero possa essere impiegato in una dieta dimagrante. Meno note sono le proprietà che ne favoriscono l’efficace azione disintossicante e drenante alla base di questa dieta.

Una patata media con la buccia (150 grammi) fornisce ottime dosi di vitamina C e vitamina B5. Presenta tracce di riboflavina, tiamina, folati, niacina, fosforo, magnesio, ferro e zinco, oltre a vantare le quantità più significative di selenio e litio. Inoltre contiene composti fitochimici quali i carotenoidi e i polifenoli, ed è una buona fonte di fibre.

L’aspetto più interessante risiede nell’elevatissimo contenuto di potassio nelle patate, che si assesta intorno ai 620 milligrammi (18 per cento della dose giornaliera raccomandata). Sarebbe proprio questo il segreto della dieta proposta, che aiuta a riequilibrare l’eccesso di sodio regolando le funzioni di depurazione e drenaggio dell’organismo.

Insomma, le patate fanno dimagrire; sicuramente aiutano a sgonfiare il corpo dai liquidi in eccesso.

La dieta delle patate

Questo fantastico trucco si basa principalmente su due consigli: cuocere le patate con tutta la buccia e preparare i tuberi all’ultimo momento. In questo modo non si perderà nessun nutriente e ne sfrutterete al massimo tutte le proprietà. Cuocere con cura. Le patate lesse solitamente sono il metodo di cottura più comodo, ma dal punto di vista nutrizionale questo è il metodo meno indicato: bollite, infatti, perdono quasi la metà della vitamina C, un quarto dell’acido folico e il 40 % del potassio. Ottima alternativa la cottura al forno.

Va chiarito che la dieta delle patate è così semplice da non richiedere alcuna pesatura. Nella versione più semplice consiste nel mangiare patate a volontà per due giorni, condite con un filo d’olio e magari una spruzzata di limone. Al bando, ovviamente, il sale. Per gli amanti delle diete a menù, proponiamo un esempio di  schema di due giorni che farà ottenere sorprendenti risultati.

Dieta delle patate schema

1° Giorno

– Colazione: appena svegli un bicchiere di acqua tiepida e del succo di limone; due patate piccole con tutta la buccia accompagnate da uno yogurt magro.

– Spuntino: un centrifugato fresco con poco prezzemolo, una patata e una carota.

– Pranzo: patate lesse con la buccia condite con aglio, prezzemolo e un cucchiaino di olio evo.

– Merenda: succo di pompelmo.

– Cena: zuppa di patate, cipolle e carote, condita con un cucchiaio di olio evo.

2° Giorno

– Colazione: al risveglio un bicchiere di acqua tiepida e succo di limone; due patate piccole con la buccia accompagnate da uno yogurt magro.

– Spuntino: un succo di pompelmo.

– Pranzo: minestra di cipolle e patate con un pugno di riso e un cucchiaio d’olio e.v.o.

– Merenda: un centrifugato fresco fatto con una patata, una carota e un limone.

– Cena: un purea di patate da preparare con brodo vegetale, senza burro o latte.

Avvertenze: E’necessario sentire il parere del proprio medico di fiducia prima di sottoporsi a qualsiasi programma dimagrante. In ogni caso la dieta delle patate non deve essere seguita per più di due giorni.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche: