Voglia di dolci o patatine fritte? Ecco cosa manca al tuo corpo

Hai mai avuto una irrefrenabile voglia di dolci che ti ha portato a consumare quantità industriali di cioccolata? O al contrario hai mai avvertito un desiderio compulsivo di patatine fritte, snack e cibi salati? Forse non sai che c’è una spiegazione ben precisa.

Sarà capitato a tutti di avere improvvisamente il desiderio di un alimento in particolare, che si tratti di cibi dolci o salati; oppure di avvertire il desiderio di qualcosa di insolito che magari non abbiamo neppure in casa e dobbiamo andare a comprare per sedare il languorino.

La sensazione di forte desiderio per alcuni alimenti si avverte più frequentemente in gravidanza, come tutti sanno; ma spesso succede indipendentemente da questa condizione.

Slimcup 300x270

Voglia di dolci, fritti o di cibi salati: ecco cosa significa

In ogni caso, avere voglia di dolci o cibi specifici è un segnale che cerca di mandarci il nostro corpo. Di cosa si tratta?

Non tutti lo sanno, ma rimanere travolti dal desiderio di cioccolata o patatine fritte nasconde una carenza nutrizionale. L’organismo risponde alla mancanza di alcuni elementi con un desiderio travolgente di un cibo specifico, che non ha nulla a che vedere con la fame.

Non perderti  Reflusso gastrico: la dieta e i rimedi per combatterlo

Ecco quali sono gli elementi che mancano al nostro corpo in base al desiderio avvertito.

Voglia di dolci

Spesso si avverte il desiderio di cibi dolci: torte, biscotti, pasticcini e cioccolato più di tutto il resto. In questo caso, trattandosi di alimenti con alte quantità di zucchero, è frequente che il nostro corpo nasconda carenza di cromo, fosforo, zolfo e triptofano; quest’ultimo in particolare è utile nella regolazione del tono dell’umore.

In questi casi, per sopperire alla carenza di minerali possiamo sostituire i dolci assumendo alimenti come insalate, broccoli, cavoli, cipolle, alghe, carne di tacchino e fegato; e ancora, cereali integrali come riso, grano saraceno, farro, e frutta come banane, kiwi, mele o pere.

Voglia di cioccolato

La voglia di cioccolato, soprattutto se non è accompagnata dal desiderio di cibi dolci in generale, è il segno classico di una carenza di magnesio e vitamina B. Si tratta di situazioni molto frequenti; questo perché il 50% della popolazione dimostra carenza di magnesio, anche a causa dello scarso controllo dei valori elettrolitici nel sangue. Se vogliamo incrementare il magnesio possiamo mangiare le mandorle e i semi di girasole, nonché cereali integrali e le verdure.

Non perderti  Spremi un limone in olio di oliva al mattino: ci ringrazierai

Desiderio di cibi salati

La voglia irrefrenabile di cibi salati spesso nasconde una carenza di iodio e zinco. Per sopperire alla mancanza possiamo assumere verdure, carne, pesce, semi e cereali integrali. Soprattutto, sarebbe il caso di evitare quantità esagerate di sale.

Voglia di pasta, pane e cracker

Se il desiderio riguarda prevalentemente pane, pasta, crackers o fette biscottate, potremmo essere in presenza di una carenza di azoto, ferro e fibre. Potremmo effettuare gli esami del sangue per l’anemia e mangiare cibi ricchi di queste proprietà, in modo da risolvere il problema.

Voglia di cibi fritti

La voglia di frittura, che siano patatine o pesce fritto, è sintomo della mancanza di calcio e grassi sani. Per sopperire a questa carenza è utilissimo consumare olio di cocco e avocado e usare olio extravergine di oliva.

Inappetenza

Oltre alla voglia di dolci e al desiderio di cibi specifici, anche la mancanza di appetito viene scatenata spesso da alcune carenze; soprattutto, la mancanza di vitamine del gruppo B può portare oltre che inappetenza, pelle secca, stitichezza e insonnia. Si può migliorare la situazione assumendo un buon integratore di vitamina B o, come sarebbe preferibile, aumentando il consumo di alimenti che la contengono in buone quantità. Tra questi, lievito di birra, alghe, carne, cerali integrali e verdura.

Non perderti  Dieta veloce: consigli e alimenti per perdere peso in pochi giorni

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche: 

Un articolo di dimagrire 2.0 pubblicato il 24 Settembre 2018 e modificato l'ultima volta il 3 Luglio 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *