Zeolite: proprietà, benefici e controindicazioni

La Zeolite è una new entry nel campo della salute e del benessere; infatti fino a poco tempo fa era utilizzata per lo più in ambito agricolo ed edilizio. Ma la sua proprietà principale, quella di “catalizzatore” o di “selezionatore di molecole”, ha reso questo minerale interessante anche per i trattamenti della cura personale. Nel campo del benessere generale del corpo, oggi la zeolite è nota come integratore alimentare utile a purificare l’organismo.

Scoperta per la prima volta nel XVIII secolo dal mineralogista svedese Alex Cronstedt che la battezzò “pietra che bolle” (zein dal greco “bollire” e lithos “pietra”) per via della sua origine vulcanica, la potenzialità della Zeolite non è stata compresa subito a pieno. Inizialmente era soltanto una curiosità: un sasso strano, duro e asciutto all’esterno, ricco di acqua all’interno. Solo scaldando la superficie l’acqua veniva rilasciata lentamente.

Un vero utilizzo di questa pietra è iniziato a metà del XX secolo e, appunto, soltanto in ambiti industriali o agricoli. Dal 1980 ad oggi i brevetti per l’uso della Zeolite si sono moltiplicati a dismisura; attualmente la si ritrova negli ambiti di permeabilità, di meccanica, di depurazione, di assorbimento di sostanze tossiche – ad esempio in agricoltura.

Negli ultimi vent’anni si è capito che lo stesso utilizzo che se ne fa in agricoltura può essere traslato anche nell’alimentazione e nella cura cosmetica. Nello specifico le sue proprietà consentono alla Zeolite di selezionare e assorbire le molecole tossiche dall’organismo, creando così un effetto depurativo utilissimo per la salute.

Zeolite: come usarla e quali tipi scegliere

La Zeolite utilizzata per il benessere fisico fa parte del tipo chiamato Clinoptilolite ed è un prodotto al cento per cento naturale. Tra le varietà di Zeolite conosciute (quindici in tutto), la Clinoptilolite è la più fine e dunque la più facilmente tollerabile dal corpo umano.

Per agire più in profondità e più rapidamente, alcune volte si trova sotto forma di Zeolite Attivata, secondo un processo cioè che aumenta la superficie delle molecole ma senza aumentarne la dimensione. La Zeolite Attivata ha una maggiore funzionalità nel legarsi a metalli pesanti, radicali liberi, tossine e impurità creando un benessere quasi immediato.

Non perderti  Acido alfa lipoico, il segreto per rimanere giovani e snelli

Il prodotto si può trovare in forma polverizzata (Zeolite Attivata al 100% che puoi trovare su Amazon a questo link) oppure come compresse (Zeolite Attivata Plus 200 capsule che puoi acquistare a questo link su Amazon), da assumere per via orale. Particolarmente consigliata è anche il formato in capsule di Zeolite Clinoptilolite attivata, che si trova a questo link su Macrolibrarsi con splendide recensioni. Un prodotto d’eccellenza che segnaliamo è Elkopur 312 Zeolite Attivata, reperibile su Amazon a questo link e Su Macrolibrarsi in offerta speciale.

La polvere di Zeolite può avere un impiego esterno ed è utilissima, ad esempio, per agire su problemi della pelle; in questo caso deve essere mescolata con acqua fino a formare una pasta. Può anche essere usata per via interna; in questo caso la polvere da assumere per via orale va disciolta in un grande quantitativo d’acqua. La Zeolite in compresse ha un rilascio e una azione più lenti, mentre quella in polvere miscelata con acqua si attiva più rapidamente. Anche le compresse vanno assunte con molta acqua per facilitarne l’azione una volta dentro il corpo.

Benefici della Zeolite

La caratteristica principale della Zeolite è che attrae su di sé le sostanze “pesanti” che incontra nell’organismo; quindi anche le tossine, le impurità e i metalli nocivi. E dato che non si assimila, alla fine del suo viaggio dentro l’organismo viene espulsa e con essa vengono eliminate tutte le sostanze dannose.

La Zeolite si usa per dare sollievo a problemi legati alla pelle come la semplice acne, gli arrossamenti ma anche eczemi e psoriasi. Si creano veri e propri impacchi, con una pasta formata dal prodotto in polvere mescolato ad acqua; questi agiranno direttamente là dove sono spalmati liberando la superficie dalle sostanze infiammanti.

Non perderti  Omega-3: benefici, proprietà e controindicazioni

In cosmetica, lo stesso tipo di impacchi di Zeolite si utilizza per scrub esfolianti depurativi e maschere rigeneranti, specialmente per il viso. In certi casi ha anche effetti cicatrizzanti.

Secondo teorie non ancora confermate, inoltre, l’assunzione di Zeolite dopo i trattamenti chemioterapici favorirebbe l’attenuarsi dei disturbi; questo, grazie all’assorbimento delle tossine tipiche di questi farmaci aggressivi. Aiuterebbe infatti a distintossicare il fegato e a favorire i processi di purificazione anche dai farmaci più aggressivi.

Zeolite per dimagrire

La Zeolite fa dimagrire? Diciamo subito che, ingerita, la zeolite attira su di sé le tossine dell’organismo e dunque agisce con effetto depurativo, antiossidante, immunostimolante, disintossicante, riequilibrante degli acidi. Ha potere di azione sui reni diminuendo l’eccesso di urea; lenisce le eventuali lesioni alle pareti intestinali; contrasta la iperglicemia ed è un antimicrobico e antimicotico naturale; è perfetta contro le infezioni.

Dato che favorisce l’assorbimento di lipidi nel sangue, veri e propri depositi di tossine, una volta eliminate le parti tossiche del grasso la zeolite aiuta anche nel dimagrimento. Non solo. Questo prezioso minerale aiuta a regolare il metabolismo, favorisce la digestione e combatte stitichezza e gonfiore addominale. Fornisce dunque un notevole aiuto nella purificazione dell’organismo e nell’equilibrio del rapporto tra massa grassa e massa magra.

La zeolite svolge inoltre una preziosa azione alcalinizzante, perché combatte l’infiammazione in modo naturale. Un’alimentazione ricca di cibi acidi porte, infatti, ad uno stato infiammatorio del corpo, che provoca senz’altro un aumento di peso. In questi termini, dunque, l’assunzione di zeolite come integratore naturale aiuta a ripristinare i normali livelli di acidità; quindi, disinfiamma i tessuti e aiuta nella perdita di peso.

Come sempre, le buone abitudini alimentari devono accompagnare l’assunzione di integratori: una buona dieta depurativa sarà necessaria per favorire il processo di purificazione dell’organismo.

Effetti collaterali

Tra tanti benefici, però, la Zeolite nasconde qualche punto oscuro. Si tratta sempre di un minerale che il nostro corpo non può assimilare e che dunque non sempre é tollerato. Alcune reazioni sono proprio tipiche da allergia, altre però avvengono come risposta alla potenza del prodotto, che lavora talmente bene e rapidamente nel corpo da causare una piccola destabilizzazione iniziale. Ecco alcune controindicazioni che è bene tenere a mente, prima di utilizzare questi trattamenti.

Non perderti  Glucomannano: proprietà, uso e controindicazioni del konjac

Nausea, mal di testa, malessere diffuso sono segnali fastidiosi che però denotano quanto la Zeolite funzioni. Si tratta in questi casi di una risposta iniziale del corpo allo shock di una depurazione intensiva; passeranno rapidamente, una volta che l’organismo si sarà stabilizzato. Reazioni un po’ più pesanti possono essere la stitichezza e l’aumento di calcoli renali.

Quando la zeolite non si deve usare?

La Zeolite è sconsigliata a soggetti con allergie particolarmente gravi e a persone con insufficienza renale; non deve essere somministrata ai bambini e alle donne in gravidanza o in fase di allattamento. Persone con stitichezza cronica non dovrebbero assumerla per evitare il rischio di un blocco intestinale.

MAI USARE PRODOTTI A BASE DI ZEOLITE se si assumono nello stesso tempo sostanze alcoliche, caffè, bevande acide (agli agrumi) e se si è sotto trattamento farmacologico. In questi casi, è bene far passare almeno due ore tra l’assunzione di una qualsiasi di queste sostanze e l’uso o la ingestione di Zeolite. La sostanza infatti potrebbe entrare in contrasto con l’alcol o con alcune sostanze aggressive acide e potrebbe – nel caso dei farmaci – vanificare l’effetto del medicinale.

Pur avendo tutte le garanzie di un prodotto naturale, è sempre consigliabile parlare con il proprio medico prima di iniziare un trattamento a base di prodotti alla Zeolite. Bisogna infatti capire se l’organismo che sta per riceverli sia in grado di tollerarli al meglio o meno.

Hai mai usato la zeolite? Cosa ne pensi? Descrivici la tua esperienza nei commenti!

Un articolo di Gaia Sorrentini pubblicato il 25 Luglio 2021 e modificato l'ultima volta il 24 Agosto 2021

Gaia Sorrentini

Laureata in Scienza della Nutrizione Umana, sin da giovanissima ha manifestato una vera e propria passione per la nutrizione e la naturopatia e il percorso di studi intrapreso ha costituito l'epilogo delle sue passioni. La sua idea di Dimagrire è fortemente legata alla sana alimentazione e da qui il motto "Dimagrire 2.0: chi mangia sano è a metà dell'opera".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *