Massaggio viso effetto lifting: come eseguirlo e cosa usare

Un massaggio viso al posto del bisturi? Il futuro è già presente in questa meravigliosa novità che rivoluziona l’approccio al lifting per chi desidera avere sempre un aspetto giovane. Per prima cosa bisogna cominciare a separare la parola “lifting” dall’idea del bisturi e del dolore di un intervento risolutivo ma invasivo. Il lifting non è più nemmeno le iniezioni di botulino. O meglio, intervento e iniezioni servono nei casi estremi, per ottenere un cambiamento age radicale.

Ma se si è ancora giovanili, o comunque se si ha una pelle ancora elastica, intervenendo in modo dolce per tempo si può addirittura evitare di finire sul tavolo operatorio. I massaggi facciali effetto lifting sono l’idea vincente che arriva dall’Oriente. Furono praticati per la prima volta nel XV secolo, in Giappone; i maestri che li avevano appresi dall’antica medicina cinese li utilizzavano inizialmente per donare relax ai samurai prima della battaglia. Si è capito con la evoluzione nel tempo che proprio quel relax generato dal massaggio sul viso aiutava la pelle a rigenerarsi; dunque, a restare giovane.

Oggi la tecnica si è diffusa in tutto il mondo ed esistono diverse tipologie di massaggio del viso antiage; dall’esperienza coreana alle nuove scuole occidentali, le tecniche sono tantissime. Sono sempre più diffusi, inoltre, gli oggetti d’uso tipici di queste pratiche, che via via si adattano anche alle esigenze dei “volti” europei o americani. Il tutto, restando comunque molto legati alla antichissima tradizione che ha portato a noi questi segreti di bellezza.

Massaggio viso, quali benefici

Perché i massaggi facciali sono tanto richiesti e perché sono la perfetta soluzione per chi non vuole arrivare al bisturi per ottenere un lifting adeguato? La principale funzione di questi massaggi, che si possono fare anche autonomamente, è la stimolazione della pelle a rigenerarsi; in sostanza, aiutano ad eliminare le cellule morte per sostituirle con altre più attive. Grazie all’aggiunta di particolari creme linfodrenanti, idratanti o anti rughe, la funzione delle dita – che sollecitano la circolazione sanguigna – si sposa con l’azione dei prodotti ottenendo risultati ottimali.

Non perderti  Epilatore luce pulsata: come scegliere il migliore

Il tocco studiato delle dita sul viso favorisce la circolazione sanguigna; questa, a sua volta, incita i fibroblasti a produrre più collagene e più elastina, fondamentali per mantenere una pelle tesa ed elastica in modo del tutto naturale. Inoltre, con l’aiuto di alcuni oggetti – ad esempio pietre, rulli esfolianti, rulli massaggianti (gua sha), coppette per creare il vuoto come le efficacissime LiftCupsi può prima eseguire uno scrub eliminando la pelle vecchia; quindi si va a stimolare la circolazione e infine ad aiutare il drenaggio e “sgonfiare” il viso, idratandolo dove serve per mantenerlo fresco.

Il beneficio maggiore, comunque, è quello di rallentare il tempo! Questi trattamenti mantengono il viso sempre giovane ed elastico, frenando di molto il suo naturale invecchiamento. Questo consente una comparsa tardiva delle rughe e dunque allontana la necessità di ricorrere al chirurgo. Per le donne già in là con gli anni, un sano massaggio antirughe del viso permette di limitare i danni dei radicali liberi; e così allontanare, nel tempo, il ricorso a botulino e bisturi.

Automassaggio al viso

Il bello dei massaggi facciali di tipo orientale è che si possono eseguire anche da sé, imparando le mosse giuste del self massage da un esperto per poter poi continuare a casa, quando serve, il trattamento. Il tutto in qualsiasi momento. Prima di avventurarsi in un automassaggio occorre creare una situazione di pieno relax, di agio totale. Si può scegliere una posizione da sdraiati, in penombra, o al fresco di un terrazzo, o in giardino. Si può ricorrere all’aiuto di luci soffuse, di musiche rilassanti e simili.

Una volta creato l’ambiente, si aprono le mani e si posano sul collo, facendo una leggera pressione e massaggiando verso l’alto. Si risale quindi alla mandibola, al mento, agli zigomi passando – man mano che si sale – all’uso delle sole dita e poi solo dei polpastrelli delle prime falangi.

Non perderti  Cerotti dimagranti: come funzionano e quali sono i migliori

Massaggio viso effetto lifting: le manovre

Per ottenere il ringiovanimento del viso, il massaggio parte sempre dal basso verso l’alto, come a spingere la pelle verso l’attaccatura dei capelli. Piccole eccezioni: la fronte, che si massaggia dal centro verso l’esterno in entrambe le direzioni; le tempie, che si massaggiano formando dei piccoli “8” verso l’alto e verso il basso; gli occhi, che si massaggiano con i soli indici creando una leggera pressione circolare, sempre verso l’alto.

La parte finale del massaggio prevede la distensione della pelle dal centro del viso verso le orecchie e come conclusione la copertura degli occhi, con le mani chiuse a coppa su di essi. In questo modo regaleremo un attimo ancora di rilassamento al buio alle zone oculari, prima di porre fine al trattamento.

Nella versione coreana del massaggio facciale, invece, l’azione delle dita si concentra “nella zona V” ovvero tra orecchie e mento. Si inizia con indici e medi dalle tempie, all’altezza delle sopracciglia, e si scende premendo leggermente ai lati del naso; quindi, a pugni chiusi, si sale a premere leggermente sulle sopracciglia e infine si scende sotto gli zigomi.

Massaggio viso, come farlo e dove seguire le istruzioni

Ogni mossa dell’automassaggio ha un significato ben preciso, come ci illustra la facialist Abigail James in questo video. Anche l’utilizzo di strumenti appositi, come la pietra gua sha, è importante per determinati scopi e per questo è importante sapere bene come fare.

  • I massaggi iniziali ai lati del collo stimolano le ghiandole linfatiche e la circolazione sanguigna in generale.
  • Lo stesso fanno i piccoli massaggi con le  dita che vanno dalla mandibola agli occhi, creando cerchi dal basso verso l’alto, per favorire la rigenerazione attraverso la circolazione sanguigna.
  • Stirare la pelle delle guance verso l’esterno e verso l’altro a palmi aperti, oppure con indice e medio tirare le parti laterali della bocca verso l’alto: favorisce la distensione delle rughe.
  • Usando la punta del medio e muovendola a zig zag su per le tempie si stimola la pelle contro le zampe di gallina.
  • Stirando la pelle intorno agli occhi e sulla fronte verso l’esterno si stendono le rughe e si stimola la rigenerazione cellulare per una pelle elastica.
Non perderti  Crema alla bava di lumaca: come scegliere la migliore

Strumenti per un effetto liftante

Per aiutare l’automassaggio è possibile usare i rulli in pietra vera. Ormai si trovano ovunque, anche se come sempre bisogna fare attenzione alla provenienza e alla loro composizione. Ecco una carrellata di prodotti sicuri in vera pietra che potrete trovare in offerta su Amazon:

Ma attenzione, questi strumenti vanno usati secondo precise indicazioni. Se li utilizzate freddi sulla pelle nuda prima di qualsiasi altra applicazione, aiutano a drenare i liquidi in eccesso. Potete anche usarli a fine massaggio, per rilassare il viso dopo il trattamento. Servono infine anche per stendere meglio alcune creme o per far aderire maschere.

Insomma, il massaggio liftante viso, con i suoi strumenti e le sue tecniche, è senz’altro destinato a diffondersi per la sua straordinaria efficacia e la possibilità di impiegarlo senza costi eccessivi; fattore, questo, che lo rende adatto praticamente a tutti.

Per seguire istruzioni più dettagliate direttamente dalle professioniste del settore, i social sono un buon punto di partenza. Su Instagram ad esempio è molto seguita @facegym, ma anche Joanna Hakimova. Validissimi i canali instagram di Nichola Joss, Caudalie e l’italiana Alessandra Ricchizzi. Non le lascerete più!

Hai mai sentito parlare del Self massage lifting viso? Descrivici le tue impressioni nei commenti!

Un articolo di dimagrire 2.0 pubblicato il 20 Luglio 2021 e modificato l'ultima volta il 20 Luglio 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *