Il ringiovanimento del viso, le creme e l’attività fisica che fa bene

La pelle con il passare del tempo perde elasticità, compattezza, integrità. Non ci sono però solo gli anni a renderla fragile, ma anche smog, agenti atmosferici, alimentazione errata, alcool e fumo. Ci sono però delle sostanze o comunque dei comportamenti virtuosi che possiamo mettere in atto per preservarla e prevenire il fotoinvecchiamento cutaneo. Ad esempio protezione dai raggi UV senza soluzione di continuità, niente fumo, dieta equilibrata e completa, tanto movimento moderato; non ultimo un uso sapiente dei cosmetici, che oggi comprendono prodotti mirati per le imperfezioni delle varie zone del viso, oltre che per le diverse stagioni della vita e le varie tipologie cutanee. E poi, novità assoluta degli ultimi anni, il massaggio viso effetto lifting che permette, con le manovre giuste, di ottenere un effettivo ringiovanimento del nostro viso. 

Abbiamo preparato una guida per mantenere la tua pelle sana e perchè non per ringiovanirla togliendo quella stanchezza che appesantisce il volto. Ovviamente ogni età ha le sue problematiche.

Non perderti  Tabata training: gli esercizi per bruciare i grassi

Fino ai trent’anni circa, i fibroblasti lavorano a pieno ritmo sintetizzando generosamente collagene, elastina e fibre reticolari, alla base della sotto struttura della pelle. Dopo, iniziano a rallentare la loro attività; così impoveriscono via via la materia cutanea e rendono sempre più profonde le rughe, specie quelle di espressione e quelle accentuate anche dalla forza di gravità, come le nasogeniene (tra naso e bocca).

Proteggendo i fibroblasti mantieni sempre elevata la produzione di elastina, collagene e altre fibre di sostegno; tra queste, la cosiddetta “sostanza fondamentale” della matrice extracellulare, costituita da acido ialuronico e della resistenza del derma.

Le creme giuste per la pelle

Per attenuare i segni del tempo e prevenire la formazione di rughe usa prodotti che agiscono sui fibroblasti, come la vitamina C, meglio se combinata con vitamina E e acido ferulico; e sui peptidi biomimetici, piccole proteine di grande utilità. Tra i peptidi più importanti spiccano il Palmitoyl tripeptide5 e l’Acetyl deca
peptide-3, che ridensificano il derma e aumentano l’ossigenazione dei tessuti, stimolando il neocollagene e contrastando gli enzimi che lo degradano.

Non perderti  Esercizi con manubri: allenamento completo a casa

Passati i trent’anni, valuta l’assunzione ciclica (per 2-3 mesi, 2 volte all’anno) di integratori che spronano i fibroblasti, come il silicio, di cui è abbondante l’equiseto, e la centella asiatica, pianta ricca di flavonoidi e fitosteroli.

La connettivina per le rughe è una crema usata per le ustioni leggere, favorisce la cicatrizzazione delle ferite visto che contiene acido ialuronico al 2%, si può usare anche sulle rughe, un buon rimedio economico per il ringiovanimento del viso.

Possiamo usare sostante idradanti come l’acido ialuronico, le ceramidi e i fosfolipidi, che sono anche lenitivi e riepitelizzanti; e gli Omega 3 e 6, che funzionano da neurotrasmettitori capaci di rinforzare l’azione barriera della cute. Se la pelle è opaca e soffre d’improvvisi rossori, preferisci le formule che proteggono anche la microflora batterica cutanea; ottime per esempio quelle con betaglucani, echinacea o fermenti lattici probiotici.

L’attività fisica che fa bene alla pelle

Esercizio fisico dolce e corretta respirazione fanno bene alla pelle visto che favoriscono l’ossigenazione, la depurazione e la nutrizione delle cellule. L’ideale è allenarsi 2-3 volte alla settimana inserendo un’attività che abbia una componente meditativa; lo yoga, il tai chi chuan o il Qi-gong per contrastare meglio anche lo stress psicofisico.

Non perderti  Sup gonfiabile: come scegliere la tavola migliore

Tutti i giorni, poi, ritagliati una decina di minuti per due esercizi di respirazione profonda: seduta, mani sui fianchi, sguardo in avanti, inspira a fondo, spingendo i gomiti indietro. Quindi, espira tornando nella posizione di partenza. Poi, sempre in posizione seduta, mani dietro la nuca, braccia in avanti, inspira a fondo spingendo i gomiti in fuori e in alto. Quindi, espira tornando nella posizione iniziale. Ripeti ciascun esercizio di respirazione per 10 volte circa.

Un articolo di Arianna Cosentino pubblicato il 15 Marzo 2018 e modificato l'ultima volta il 24 Agosto 2021

Arianna Cosentino

Calabrese DOC, è attenta alla salute come nessuno. Ama mangiare sano ma non rinuncia al gusto ed è alla continua ricerca degli accostamenti culinari più ricercati. Gestisce una scuola di danza moderna e classica dove tiene anche dei corsi di Pilates.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *