Ecco il segreto giapponese per combattere la fame nervosa

Chi non conosce quegli improvvisi attacchi di fame nervosa che portano ad ingurgitare cibi ipercalorici facendo naufragare i buoni propositi alimentari? E chi non conosce lo sconforto, dopo settimane di rigida dieta, per aver ripreso ogni milligrammo faticosamente perso? Se un semplice assalto al frigo può far naufragare l’idea di rimettersi in forma, la Natura ha sempre qualche rimedio fatto apposta per noi. In questo articolo vi daremo qualche suggerimento per risolvere il problema.

Combatti la fame nervosa
Tra le soluzioni naturali più soddisfacenti per contenere gli attacchi di fame ti segnaliamo la straordinaria radice di konjac, meglio conosciuta come glucomannano. Si tratta di una pianta dalle proprietà addensanti, utilizzata frequentemente per le sue eccellenti proprietà dimagranti

La sua principale caratteristica è la elevata viscosità e la capacità di attirare molta acqua. E’ capace infatti di assorbire acqua fino a 60 volte il suo peso. Questa proprietà diventa più evidente in un ambiente acido come lo stomaco, in cui diventa una vera e propria gelatina. In questo modo il glucomannano favorisce il senso di sazietà e riduce l’assorbimento di zuccheri e grassi. 

Per queste ragioni il glucomannano costituisce elemento principale di molti supplementi alimentari utili al dimagrimento. E’ un potentissimo bruciagrassi naturale capace di assorbire fino al 30% dei grassi assunti durante un lauto pranzo.

Questa rara radice è considerata una fibra pulitrice proprio per il suo effetto lassativo, che favorisce l’eliminazione di batteri e di ristagni alimentari. Può risultare anche utile contro la stitichezza e per contrastare l’innalzamento del colesterolo e l’obesità. Inoltre rallenta l’assorbimento degli zuccheri. 

È un rimedio naturale che ripulisce e disintossica il corpo senza incidere sulla naturale assunzione di sali minerali e oligoelementi. Le sue caratteristiche e la sua assimilabiltà lo rendono un alleato insostituibile per la salute e la forma fisica. 

Come usare il glucomannano 

L’assunzione ideale prevede almeno 2-3 grammi di polvere micronizzata con molta acqua un’ora prima dei pasti. Questo perché il glucomannano inzia a gelificarsi dopo circa 15 minuti e raggiunge il massimo del suo volume dopo un’ora. E’ raccomandata una elevata quantità di acqua, in mancanza potrebbe portare paradossalmente alla stitichezza.

Non perderti  Agar-agar contro fame nervosa e gonfiore: ecco come si usa

A base di konjac sono consigliatissimi gli spaghetti Shirataki, il segreto dei Giapponesi per restare in forma.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche: 

Un articolo di dimagrire 2.0 pubblicato il 26 Marzo 2017 e modificato l'ultima volta il 3 Luglio 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *