Il grasso sottocutaneo protegge il cervello femminile: lo studio

Se il grasso sottocutaneo ti affligge, sappi che finalmente puoi trarne un vantaggio. Si, perché secondo uno studio la propensione delle donne a depositare il grasso in posti come i fianchi, i glutei e la parte posteriore delle braccia, protegge il cervello dall’infiammazione. Il grasso sottocutaneo, quindi, è un vero protettore del cervello e preserva da problemi come la demenza e l’ictus, almeno fino alla menopausa. Ma a cosa è dovuto questo fenomeno? Scopriamolo insieme.

Il grasso sottocutaneo protegge il cervello, ma solo nelle donne

Diciamo subito che la conformazione fisica è un fattore estremamente rilevante. I maschi di qualsiasi età hanno una maggiore propensione a depositare grasso intorno agli organi principali nella loro cavità addominale. Questo tipo di grasso, l’adiposità viscerale, è noto per essere un fattore infiammatorio. E infatti i maschi sono considerati soggetti con un rischio molto più elevato di problemi legati all’infiammazione, dall’infarto all’ictus.

“Quando le persone pensano alla protezione nelle donne, il loro primo pensiero sono gli estrogeni”. Sono queste le parole di Alexis M. Stranahan, medico e neuroscienziato presso il Dipartimento di Neuroscienze e Medicina Rigenerativa presso il Medical College of Georgia presso l’Augusta University. “Ma dobbiamo andare oltre l’idea semplicistica che ogni differenza tra uomo e donna implichi differenze ormonali ed esposizione agli ormoni. Dobbiamo davvero riflettere più profondamente sui meccanismi alla base delle differenze di genere in modo da poterli trattare e riconoscere il ruolo che giocano nei diversi esiti clinici”.

La dieta e la genetica sono altri probabili fattori che spiegano le differenze ampiamente assegnate agli estrogeni, afferma Stranahan, corrispondente autore di uno studio sulla rivista Diabetes dell’American Diabetes Association. Lo scienziato riconosce che le scoperte sono potenzialmente eretiche e rivoluzionarie e certamente sorprendenti. “Abbiamo fatto questi esperimenti per cercare di fissare, prima di tutto, cosa succede prima, la perturbazione ormonale, l’infiammazione o i cambiamenti cerebrali”.

Infiammazione del cervello e grasso femminile

Per saperne di più su come il cervello si infiamma, gli scienziati hanno osservato l’aumento della quantità e della localizzazione del tessuto adiposo. Non solo. Sono stati osservati anche i livelli di ormoni caratterizzanti e l’infiammazione cerebrale nei topi maschi e femmine a diversi intervalli di tempo man mano che ingrassavano con una dieta ricca di grassi.

Non perderti  I nonni amano i nipoti più dei loro figli: lo dice la Scienza

Dal momento che, proprio come con le persone, le femmine di topo obese tendono ad avere più grasso sottocutaneo e meno grasso viscerale rispetto ai topi maschi, i ricercatori hanno pensato che i modelli distintivi di grasso potrebbero essere una ragione chiave per la protezione dall’infiammazione di cui godono le donne prima della menopausa.

Hanno ritrovato i modelli distintivi di distribuzione del grasso nei maschi e nelle femmine in risposta a una dieta ricca di grassi. Non ci sono stati indicatori di infiammazione cerebrale o insulino-resistenza, che aumentano anche l’infiammazione e possono portare al diabete, fino a quando le femmine di topo non hanno raggiunto la menopausa. Sempre nei topi, a circa 48 settimane le femmine vanno in menopausa. La posizione del grasso inizia a spostarsi un po’, rendendole più simili ai maschi.

Questo ha portato a confrontare l’impatto di una dieta ricca di grassi, noto fattore di infiammazione, nei topi di entrambi i sessi dopo un intervento chirurgico, simile alla liposuzione, per rimuovere il grasso sottocutaneo. Nessun intervento, invece, si è compiuto per interferire direttamente con i normali livelli di estrogeni, come rimuovere le ovaie. 

Non perderti  Lo zucchero fa male (anche) al cervello e aumenta il rischio Alzheimer

La perdita di grasso sottocutaneo ha aumentato l’infiammazione cerebrale nelle donne senza spostare il quadrante sui livelli dei loro estrogeni e altri ormoni.

Conclusioni dello studio

In conclusione: l’infiammazione cerebrale delle femmine dopo la rimozione del grasso assomigliava molto di più a quella dei maschi. Compresi livelli aumentati di classici promotori dell’infiammazione come le proteine ​​​​di segnalazione IL-1β e TNF alfa nel cervello.

 “Quando abbiamo eliminato il grasso sottocutaneo, all’improvviso il cervello delle femmine ha iniziato a mostrare l’infiammazione come fa il cervello maschile. Le femmine hanno guadagnato più grasso viscerale”. La transizione è avvenuta in circa tre mesi, il che si traduce in diversi anni in termini di età dell’uomo.

Un altro risultato interessante? Solo dopo la menopausa le femmine di topo che hanno mantenuto il grasso sottocutaneo ma che hanno seguito una dieta ricca di grassi hanno mostrato livelli di infiammazione cerebrale simili a quelli dei maschi. Quando invece il grasso è stato rimosso ma i topi hanno seguito una dieta a basso contenuto di grassi in tenera età, hanno sviluppato un po’ più di grasso viscerale e un po’ più di infiammazione nel grasso. Ma Stranahan e i suoi colleghi non hanno visto prove di infiammazione nel cervello.

Una lezione da portare a casa: non fare la liposuzione e poi seguire una dieta ricca di grassi, dice Stranahan. Un altro dato da ricavare è che il BMI, che divide semplicemente il peso per l’altezza ed è comunemente usato per indicare il sovrappeso, l’obesità e di conseguenza l’aumento del rischio di una miriade di malattie, probabilmente non è uno strumento significativo.

Non perderti  Il miglior frutto per prevenire l’invecchiamento secondo la scienza

Prospettive della ricerca sul grasso sottocutaneo

Un indicatore altrettanto facile e più accurato sia del rischio metabolico che potenzialmente della salute del cervello, è il rapporto tra vita e fianchi. “Non possiamo solo dire obesità. Dobbiamo iniziare a parlare di dove si trova il grasso. Questo è l’elemento critico qui”.

Stranahan ha studiato l’impatto dell’obesità sul cervello per diversi anni. È tra i primi scienziati a dimostrare che il grasso viscerale promuove l’infiammazione cerebrale nei topi maschi obesi e, al contrario, il trapianto di grasso sottocutaneo riduce la infiammazione cerebrale. Le femmine hanno anche livelli naturalmente più elevati di proteine ​​che possono reprimere l’infiammazione. La ricerca ha dimostrato che nei maschi, ma non nelle femmine, le cellule immunitarie del cervello sono attivate da una dieta ricca di grassi.

Alcuni studiosi ritengono che il motivo per cui le donne hanno maggiori riserve di grasso sottocutaneo sia quello di consentire sufficienti riserve di energia per la riproduzione. Ma rimangono ancora molte domande, come il dubbio sulla quantità di grasso necessaria per mantenere la fertilità rispetto al livello che influenza il metabolismo.

La ricerca ha beneficiato del sostegno del National Institutes of Health.

Un articolo di Alice Borghesini pubblicato il 14 Dicembre 2022 e modificato l'ultima volta il 14 Dicembre 2022

Alice Borghesini

Da sempre coltiva una grande passione per la scrittura che recentemente ha rivolto anche al mondo web. E' sempre alla ricerca delle ultimissime notizie in tema di salute e vita sana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *