Come dimagrire senza dieta: perdere peso non è mai stato così semplice

Dimagrire senza seguire una dieta è un po’ il desiderio di tutti coloro che hanno bisogno di rimettersi in forma, chi non riesce a seguire un piano alimentare restrittivo è spesso scoraggiato e non trova la forza di volontà per perdere peso.

È davvero possibile perdere peso senza seguire una dieta?

Se vi state chiedendo come dimagrire senza dieta, dovete sapere che per perdere peso non è necessario forzarsi di seguire uno schema alimentare ben preciso ma basta modificare alcune abitudini, comprese quelle alimentari.

Desiderate tanto perdere peso ma avete paura di iniziare e poi fermarvi? Questo non accadrà se inizierete a seguire i consigli che vi stiamo per illustrare.

Slimcup 300x270

Occhio al tempo che impiegate nel consumare il vostro pasto

È un aspetto che in tanti sottovalutano, ma bisogna controllare il tempo che si impiega a consumare il proprio pasto, l’obiettivo è quello di mangiare lentamente, non bisogna divorare il cibo.

Il tempo ideale per terminare un pasto è di almeno 20 minuti, bisogna masticare bene e assaporare il cibo, in questo modo ci si sentirà sazi prima e non si sentirà la necessità di mangiare altro.

Non perderti  Non riesci più a dimagrire? Attenzione allo stallo del peso

Riposare un numero di ore adeguate

Se si dorme poco il livello di cortisolo, ormone dello stress, tende a salire, la conseguenza è che si sentirà la necessità di mangiare.

Dormendo si mette si avvia l’attività metabolica in grado di consumare i grassi e di conseguenza, di dimagrire, per cui, è fondamentale dormire almeno 7 ore a notte.

Non dimenticare di bere molta acqua

Quante volte ve lo siete sentir dire? Bisogna bere almeno due litri di acqua al giorno, ebbene, la dose ideale è di 30 ml di acqua per ogni kg di peso corporeo, per cui varia a seconda dell’individuo.

Oltre a depurare, e disintossicare, l’acqua aiuta a sentirsi sazi prima evitando gli attacchi di fame improvvisi.

Condire correttamente i cibi

Bisogna prestare molta attenzione ai condimenti, evitare il burro e preferire l’olio EVO, tenendo sempre in considerazione la quantità.

La salsa di soia ha 60 calorie ogni 100 grammi, è molto saporita ed ha zero colesterolo, potrebbe essere una buona alternativa, ma attenzione a chi soffre di ritenzione idrica, siccome è contenuto un elevato livello di sale.

Non perderti  Con questa bevanda magica bruci i grassi mentre dormi

In commercio si trova anche la versione con meno sale, si può usare per condire verdure, pesce o carne, inoltre, si possono usare anche altri condimenti come la senape, lo yogurt magro, il limone e le spezie.

Fare più pasti durante la giornata

Non bisogna mai saltare i pasti, appena alzati dovete fare colazione, possibilmente non oltre le 9:00, questo primo pasto attiva il metabolismo e deve apportare il 20% del fabbisogno calorico giornaliero.

A metà mattina e metà pomeriggio bisogna fare degli spuntini sani, a base di yogurt magro o di frutta di stagione.

Mangiare sano scegliendo gli alimenti giusti

Non riuscite a biscotti, dolcetti e pane? Non dovete farlo, provate gli alimenti integrali, che saziano più velocemente e favoriscono la regolarità intestinale. Ottime anche le zuppe di verdure.

Adorate la pizza? Non dovete rinunciare

Se vi piace la pizza potete mangiarla una volta a settimana, l’importante è fare attenzione al condimento, preferire la margherita o quelle con verdure alla griglia e un filo d’olio EVO.

Non perderti  Spremi un limone in olio di oliva al mattino: ci ringrazierai

In linea di massima non bisogna togliere completamente i carboidrati dalla vostra alimentazione.

Le verdure sono importanti

Non bisogna mai dimenticare le verdure. A tavola si deve abbondare con il contorno, che siano crude, grigliate, al forno o al vapore, vanno sempre bene, soprattutto se sono quelle fresche di stagione.

Con le verdure ci si sente sazi prima e si apportano poche caloriche e maggior quantità di fibre, utilissime per la regolarità intestinale.

Un articolo di dimagrire 2.0 pubblicato il 10 Febbraio 2018 e modificato l'ultima volta il 3 Luglio 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *