Piccolo grande Teff

Il teff è un cereale privo di glutine originario dell’Etiopia e dell’Eritrea, dove viene sfruttato sin dall’antichità per le sue proprietà benefiche.

 E’ completamente integrale: infatti il seme è così piccolo (appena 0,8 mm di diametro) che non è facile separare il germe della buccia, quindi l’intero seme rimane nella macinatura della farina, conservando così un elevatissimo contenuto di fibre. L’apporto di calcio, potassio, fibre e carboidrati complessi conferisce al teff un basso indice glicemico, rendendolo appropriato per diabetici, per coloro che vogliono perdere peso e per gli atleti che cercano maggiore resistenza.

Costituisce una buona fonte di tiamina, niacina e vitamina B6 ed è una fonte eccellente di proteine e aminoacidi. Inoltre controlla lo stimolo della fame, regola i livelli di zucchero nel sangue, stimola la regolarità intestinale, migliora la funzionalità del colon, è un ottimo antiossidante e ha un elevato apporto nutrizionale.

DOVE SI TROVA?

Puoi trovarlo seguendo questo link

COME SI USA? 

I grani crudi possono essere mangiati al naturale o possono sostituire una parte dei semi o noci nelle ricette. Il granello ha un delicato gusto di noce e un sapore dolce. La farina di Teff è indicata per la creazione di numerose pietanze, sia dolci come biscotti, torte, pasta brisée e pancakes, che salate (pizza, crackers, gallette, grissini, biscotti, muffin).

Scopri tutti gli usi di questo fantastico alimento nella guida che Dimagrire 2.0 ha selezionato per te: 

semi cereali teff

Un articolo di Gaia Sorrentini pubblicato il 21 Febbraio 2016 e modificato l'ultima volta il 5 Ottobre 2021
Non perderti  Zenzero, proprietà e benefici: come si usa per dimagrire

Gaia Sorrentini

Laureata in Scienza della Nutrizione Umana, sin da giovanissima ha manifestato una vera e propria passione per la nutrizione e la naturopatia e il percorso di studi intrapreso ha costituito l'epilogo delle sue passioni. La sua idea di Dimagrire è fortemente legata alla sana alimentazione e da qui il motto "Dimagrire 2.0: chi mangia sano è a metà dell'opera".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *