Paleodieta: il rimedio per perdere 4 chili a settimana

Il suo motto è “torna alle origini se vuoi dimagrire”. La Paleodieta, diventata popolare soprattutto tra gli sportivi per l’approccio proteico di base, nasce dall’idea che per stare bene dovremmo tornare ad alimentarci come i nostri antenati. 

Tradotto in parole povere, secondo la dieta paleontologica dobbiamo mangiare esclusivamente proteine animali, ortaggi e frutta. Questo non solo permetterà a chi è in sovrappeso di raggiungere il peso forma, ma aiuterà a mantenere il nostro corpo in perfetto stato di salute. Il motivo? Semplice: la nostra struttura corporea è identica a quella che avevamo nell’era paleolitica. 

La Paleodieta funziona?

Detta anche dieta Paleo, dieta paleolotica o semplicemente Paleo, questa strategia alimentare è stata ideata dal nutrizionista Loren Cordain dell’Università del Colorado, grande appassionato dell’alimentazione preistorica.

La sua osservazione a prima vista convince: nell’età della pietra gli uomini si alimentavano esclusivamente di carne, frutta, verdura e bacche. Non esisteva infatti l’agricoltura né l’allevamento e tutto quello che si riusciva a reperire proveniva dalla raccolta di prodotti spontanei della terra o dalla caccia di selvaggina.

I nutrienti nella Dieta Paleontologica

L’alimentazione proposta dalla Paleodieta è ricca di proteine animali. La componente proteica è anzi prevalente e supera le percentuali consigliate dalla clinica tradizionale. Anche i grassi hanno una parte rilevante nella quota giornaliera di nutrienti.

Di contro nella dieta paleontologica non esistono i carboidrati, se non quelli contenuti nella frutta e nella verdura. Anche lo stile di vita si ispira a quello paleolitico: pertanto non è ammessa la vita sedentaria ed è per questo che i sostenitori di questa filosofia alimentare dedicano all’attività fisica un impegno costante e quotidiano.

Non perderti  Riso in bianco per dimagrire: perdi 4 chili in una settimana

Come abbiamo detto, l’idea di base è che gli uomini di oggi devono mangiare come si faceva nel passato, un po’ come nella dieta del gruppo sanguigno. Questo porterà alla riconquista della salute: non esistevano, in quell’epoca, le malattie che oggi affliggono l’umanità e che derivano in gran parte dallo stile alimentare acquisito nel corso del tempo. 

Questo tipo di alimentazione diminuisce il carico di glicemia a cui si andrebbe invece incontro con una dieta “moderna”, riequilibra gli acidi grassi saturi e insaturi, permette un buon apporto di vitamine e lascia in perfetto equilibrio proteine, carboidrati e grassi.

Paleodieta: cosa si può mangiare?

La risposta è semplice: sono permessi solo i cibi che potevano trovarsi nell’era paleolitica. Via libera a carne magra e pesce, a molluschi e crostacei, e poi ancora frutta e verdura, miele, radici, bacche e semi.

Solo raramente, ma questo non mette d’accordo tutti, si possono bere alcoolici e condire con olio. Sono permessi thé e caffè. Al bando invece i cereali e i legumi, latte e derivati, cibi lavorati, sale, zucchero, olio e burro.

Ovviamente tutti gli alimenti, cioè frutta, verdura e carne, dovranno essere rigorosamente freschi. Questo perché occorre alimentarsi direttamente dalla terra, evitando per quando possibile pesticidi e antibiotici. Un chiarimento va fatto: la paleo dieta non è limitata al tempo necessario per dimagrire, ma si propone come un vero e proprio stile di vita da seguire praticamente sempre.

Non perderti  Segui la dieta idrofila e perdi subito 10 chili

Dieta paleolitica menu settimanale

Solo a titolo esemplificativo e senza pretese vogliamo darvi un’idea di quella che può essere una paleodieta menu settimanale. Come sempre, è necessario e vivamente consigliato di rivolgervi ad un medico prima di sottoporvi a qualsiasi programma alimentare. Lo spuntino non è previsto, ma se si sente fame si può mangiare della frutta secca.

Paleo dieta menu settimanale

Giorno 1

  • Paleodieta colazione – 2 uova sode e mandorle
  • Pranzo – bresaola e rucola
  • Cena – trancio di salmone; verdura

Giorno 2

  • Colazione – tacchino e noci
  • Pranzo –  insalata di gamberi e rucola
  • Cena – pesce grigliato e verdure crude

Giorno 3

  • Colazione – trancio di salmone e noci
  • Pranzo – pollo ai ferri (petto); insalata
  • Cena – spezzatino; verdure crude

Giorno 4

  • Colazione – prosciutto crudo e macedonia di frutta fresca
  • Pranzo – omelette; pomodori
  • Cena – pollo arrosto e verdure grigliate

Giorno 5

  • Colazione – uova sode e noci
  • Pranzo – vitello arrostito e funghi
  • Cena – verdure in zuppa; affettato

Giorno 6

  • Colazione –  uova e frutta
  • Pranzo – insalata mista, affettato
  • Cena – scaloppine di carne e verdura cruda

Giorno 7

  • Colazione – frullato di frutta con latte di cocco o di mandorla
  • Pranzo – pollo al curry, insalata
  • Cena – trancio di salmone; verdure grigliate
Non perderti  Dieta pancia piatta: come sgonfiare l'addome in 7 giorni

Paleodieta opinioni e controindicazioni

Come accade nella dieta Plank, nella paleo dieta vengono eliminati completamente i carboidrati. Non può essere considerato un regime alimentare equilibrato e non permette di trasmettere sani principi alimentari. Prolungare una dieta chetogenica di questo tipo per oltre tre settimane può provocare danni ai reni e al fegato, perché questi non riescono a smaltire le sostanze di scarto delle proteine animali. Si può inoltre verificare un forte innalzamento dei valori di acido urico.

La Paleodieta è vietata, dunque, nel caso di problemi ai reni o al fegato. Il regime alimentare può inoltre portare mal di testa, disturbi dell’umore e un aumento dei valori di colesterolo e dei trigliceridi. Un’altra controindicazione tipica sta nel riacquisto pressoché immediato del peso non appena si torna a mangiare correttamente. Non deve essere seguita in gravidanza e allattamento.

Chi segue la Paleodieta assicura che non ci sono rischi per la salute: l’apporto proteico, infatti, sebbene prevalente, deve comunque limitarsi entro il fabbisogno dell’individuo, calcolato anche in base all’attività fisica e allo stile di vita. C’è comunque chi non è d’accordo.

E tu? Hai provato questo stile di vita? Cosa ne pensi?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi social!

Un articolo di dimagrire 2.0 pubblicato il 4 Settembre 2017 e modificato l'ultima volta il 3 Luglio 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *