Pressione sanguigna in aumento nel 2020: le donne sono le più colpite

La pandemia ha inciso sulla vita quotidiana delle persone, e questo si sa. Tra un lockdown e l’altro, in molti sono rimasti a casa per lavoro; le routine sono state infrante, le persone si sono allontanate dalla scuola, dalla palestra o dai luoghi di lavoro. Il dolore e la perdita hanno portato ai limiti lo stress. Tutto ciò potrebbe aver contribuito a un picco della pressione sanguigna.

Secondo uno studio pubblicato lunedì sulla rivista Circulation, la pressione sanguigna degli adulti americani è aumentata notevolmente nel 2020 rispetto all’anno precedente. E l’aumento maggiore è stato riscontrato nelle donne.

Lo studio ha esaminato quasi 500.000 adulti e i loro coniugi o partner nei 50 Ssati che hanno partecipato a un “programma di benessere sponsorizzato dal datore di lavoro”. A partire dall’aprile 2020 circa, quando la diffusione del coronavirus negli Stati Uniti aveva indotto la popolazione a restare a casa, si è verificato un “significativo aumento della pressione sanguigna tra la popolazione studiata”, come ha affermato l’autore principale Luke Laffin, co-direttore del Center for Blood Pressure Disorders presso la Cleveland Clinic.

Entro la fine del 2020, ha affermato, l’aumento è stato ancora maggiore.

Pressione sanguigna in aumento: lo studio

“Esemplifica la miriade di modi in cui la pandemia di covid-19 ha influenzato le nostre vite e i risultati in sé non sono sorprendenti”, ha affermato Salim Hayek, cardiologo presso il Frankel Cardiovascular Center dell’Università del Michigan che non è stato coinvolto nello studio.

Non perderti  Bere alcool fa ingrassare? Cosa dicono gli esperti

La ricerca non ha esaminato direttamente le ragioni alla base del picco, ma secondo Laffin ci sono molti fattori che potrebbero aver contribuito all’aumento della pressione sanguigna lo scorso anno. Le persone con ipertensione diagnosticata potrebbero aver saltato le normali visite dal medico o potrebbero non aver rispettato regolarmente le prescrizioni. Per altre persone i fattori dello stile di vita, tra cui il sonno scarso, le scelte dietetiche sbagliate, l’aumento del consumo di alcol e la mancanza di esercizio fisico regolare, possono aver contribuito all’aumento della pressione sanguigna.

Laffin ha affermato che lo stress può anche aumentare la pressione sanguigna in “ambienti acuti”. Ha detto che le persone sottoposte a elevate quantità di stress possono anche “fare tutte quelle cose sbagliate nello stile di vita”. “Non mangiano bene, non dormono così tanto, non trovano tempo per l’esercizio, aumentano di peso”.

Secondo l’autore dello studio, è difficile separare lo stress cronico da quei fattori legati allo stile di vita. “Ma il risultato finale sarà lo stesso: vedremo un aumento della pressione sanguigna”, ha detto.

Qualsiasi cambiamento di vita che porta a uno stile di vita sedentario “contribuirà a un po’ di aumento di peso, un po’ di mancanza di esercizio”. Questo può portare ad aumenti della pressione sanguigna delle persone, ha affermato George Bakris, direttore del Comprehensive Centro per l’ipertensione presso l’Università di Chicago Medicine. “Se è per un breve periodo di tempo – un mese, due mesi – non è un grosso problema; puoi recuperare tutto ciò che hai perso”, ha detto Bakris commentando lo studio. “Ma se rimani bloccato per periodi di nove mesi, 12 mesi o più, sarà cumulativo e avrà effetti negativi”.

Non perderti  I cibi ad alto indice glicemico fanno ingrassare, anche se mangi poco

Effetti della pandemia sulla pressione sanguigna

Le letture della pressione sanguigna includono due numeri: pressione sistolica, misurata quando il cuore batte, e pressione diastolica, misurata quando il cuore è a riposo. Da aprile a dicembre 2020, lo studio ha rilevato che la pressione sanguigna sistolica delle persone era in media tra 1,1 e 2,5 mm Hg più alta ogni mese rispetto all’anno precedente. I millimetri di mercurio, o mm Hg, sono una misura della pressione.

Per la pressione sanguigna diastolica, gli aumenti mensili medi variavano da 0,14 a 0,53 mm Hg.

Laffin ha affermato che i maggiori aumenti della pressione sanguigna per le donne potrebbero sottolineare “l’aumento del carico sulle donne rispetto agli uomini” della pandemia.

“Se c’è qualcuno che dovrà assicurarsi che i propri figli facciano i compiti e l’apprendimento virtuale, spesso sono le donne”, ha detto. “E forse non stanno seguendo lo stile di vita che normalmente aiuterebbe a mantenere la loro pressione sanguigna sotto controllo.”

L’ipertensione incontrollata, hanno detto i medici, può portare a infarti, ictus e insufficienza cardiaca.

Non perderti  Esaurimento mentale: l'esercizio aerobico come la corsa aiuta il cervello a riprendersi

Hayek ha detto che lo studio di Laffin potrebbe “guardare la punta dell’iceberg”. Ha detto che potrebbe sottovalutare quanto la pandemia abbia influito sulla pressione sanguigna.

Poiché lo studio ha esaminato una popolazione in programmi sponsorizzati dal datore di lavoro, Hayek ha affermato che potrebbe includere persone in circostanze socioeconomiche di livello medio o superiore.

“Possiamo facilmente estrapolare un aumento molto più elevato delle classi socioeconomiche inferiori che sono state realmente colpite economicamente e non sono state in grado di accedere alle cure”, ha affermato Hayek.

Il punto chiave, ha detto, è il pericolo di ritardare le cure. “Molte persone hanno annullato gli appuntamenti e hanno smesso di ricevere cure di routine per paura del covid-19, il che è ragionevole”, ha affermato. Di conseguenza, le cose peggiorarono “in tanti modi oltre l’ipertensione”.

“La pandemia non è finita: i livelli di stress sono più alti che mai. La vita non è tornata alla normalità per molte persone”, ha affermato Hayek. “Il messaggio generale qui è non ritardare le cure e non aspettare che si verifichino le emergenze: lavorare sulla prevenzione, prevenzione, prevenzione”.

Sapevate che il consumo regolare di vino rosso e alimenti ricchi di flavonoidi come frutti di bosco, mele, pere e tè potrebbe ridurre la pressione sanguigna.

Un articolo di Alice Borghesini pubblicato il 9 Dicembre 2021 e modificato l'ultima volta il 9 Dicembre 2021

Alice Borghesini

Da sempre coltiva una grande passione per la scrittura che recentemente ha rivolto anche al mondo web. E' sempre alla ricerca delle ultimissime notizie in tema di salute e vita sana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.